Argomento 1 Le cinque fasi del Design Thinking

Quando si parla di donne imprenditrici nel settore dell’agriturismo, i principi del pensiero del design hanno un potenziale immenso. Questo approccio innovativo alla risoluzione dei problemi, profondamente radicato nei principi del centrati sull’essere umano, è particolarmente prezioso per le imprenditrici che cercano di lasciare un segno nell’agriturismo. Mettendo al centro del processo decisionale gli utenti finali, che spesso costituiscono una clientela eterogenea ed evocativa, le imprenditrici possono comprendere a fondo le esigenze, i desideri e le sfide uniche della loro clientela.

Il pensiero del design è un approccio dinamico alla risoluzione dei problemi e all’innovazione che dà priorità all’utente finale o al cliente, ponendolo al centro dell’intero processo. Questa metodologia, profondamente radicata nei principi del centro umano, cerca di comprendere a fondo le esigenze, i desideri e le sfide degli utenti. Grazie all’empatia e all’intuizione, il pensiero del design cerca di creare soluzioni innovative e facili da usare che risuonino realmente con il pubblico di riferimento.

Questo processo iterativo prevede una serie di fasi ben definite e strumenti versatili che favoriscono la creatività, la collaborazione e l’impegno costante per un design incentrato sull’utente. Per arricchire il percorso, la mentorship e la guida in varie forme, come i manuali e le possibilità di chiedere consigli e porre domande, giocano un ruolo fondamentale. Inoltre, il lavoro sul campo e le visite ad altre organizzazioni forniscono preziose conoscenze del mondo reale, mentre le interazioni faccia a faccia offrono la profondità di comprensione necessaria per sviluppare prodotti, servizi o esperienze che fanno davvero la differenza nella vita delle persone.

Le cinque fasi del processo del pensiero del design sono le seguenti:

Nella prima fase, i designer cercano di capire le esigenze, i desideri e i punti dolenti delle persone per cui stanno progettando. Ciò implica l’osservazione e il coinvolgimento degli utenti, per comprendere le loro esperienze e i loro punti di vista. L’empatia aiuta i designer a sviluppare una comprensione più profonda delle sfide e delle opportunità che devono affrontare.

Una volta che i designer hanno raccolto intuizioni e sono entrati in empatia con gli utenti, passano a definire con maggiore precisione il problema o la sfida progettuale. Riformulano le informazioni raccolte per articolare chiaramente le esigenze dell’utente e identificare il problema centrale che intendono risolvere. Questa fase prevede la sintesi delle informazioni e la creazione di una dichiarazione specifica del problema che guida il resto del processo.

Nella fase di ideazione, i designer generano un’ampia gamma di possibili soluzioni al problema definito. Utilizzano varie tecniche creative, come il brainstorming, la mappatura mentale e lo SCAMPER, per incoraggiare il pensiero libero e generare una serie di idee diverse. L’obiettivo è quello di esplorare il maggior numero possibile di soluzioni potenziali senza giudizi o valutazioni in questa fase.

Nella fase di prototipo, i progettisti creano rappresentazioni tangibili in scala ridotta delle loro idee. I prototipi possono essere modelli fisici, mock-up, schizzi o prototipi digitali interattivi. La prototipazione consente ai progettisti di testare e iterare rapidamente le loro idee, ottenendo un feedback e intuizioni preziose da utenti e stakeholder.

La fase finale prevede il test dei prototipi con gli utenti per raccogliere feedback e valutare quanto le soluzioni proposte rispondano alle esigenze e alle aspettative degli utenti. Sulla base del feedback, i progettisti perfezionano e migliorano i prototipi attraverso molteplici iterazioni. La fase di test fornisce indicazioni preziose che consentono di apportare ulteriori perfezionamenti o di passare a soluzioni alternative.

Il processo del pensiero del design non è strettamente lineare; è iterativo e può comportare la rivisitazione delle fasi precedenti sulla base del feedback e delle intuizioni ottenute durante la fase di test. Questo approccio iterativo permette ai designer di migliorare continuamente le loro soluzioni e di arrivare ai risultati più efficaci e incentrati sull’utente. Il pensiero del design è un approccio flessibile e collaborativo che può essere applicato a un’ampia gamma di sfide in vari settori, dalla progettazione di prodotti all’innovazione di servizi e oltre.

Che cos'è il Design Thinking? | IxDF (interaction-design.org)