Argomento 3 Capacità di convertire la complessità in termini semplici

Una delle cose più importanti da tenere a mente quando si comunica, è la coerenza in tutti i diversi modi di comunicare.

  • La comunicazione scritta, tutto ciò che scrivete e le strategie che decidete di utilizzare per farlo, che sia attraverso i social media, il vostro blog, una rivista o una pubblicità, vi definisce come marchio ed è uno dei modi di comunicare con il maggiore impatto sul vostro pubblico. È quindi importante definire una strategia comune e coerente. Lo storytelling, ovvero come attirare i clienti raccontando storie, è un modo fantastico per creare connessioni e legami solidi attraverso questo strumento.
  • La comunicazione orale, ciò che viene espresso con la voce, non può essere cambiato, le parole rimangono dette. Saper comunicare bene a voce, curando il modo in cui si trasmette il messaggio è un altro degli aspetti da attenzionare.
  • Il branding, il logo, il colore aziendale e tutto il design grafico del marchio, è un altro aspetto da considerare quando si definisce la strategia di ciò che si vuole trasmettere. Potreste prendere in considerazione aspetti come il colore e la sua influenza sui marchi.
  • Social network, definire una strategia di comunicazione attraverso i social network è un aspetto essenziale. È fondamentale curare l’immagine, sia nelle fotografie o nei design che vengono caricati sui network, sia nel testo con cui vengono pubblicati. Inoltre, a questo punto occorre prestare particolare attenzione alla risoluzione delle crisi attraverso i commenti. Definire una strategia di risposta ai messaggi di reclamo, ad esempio, è un altro fattore da considerare.
  • Comunicazione interna: la comunicazione esterna, verso il pubblico, è importante quanto quella interna, verso il team. L’ambiente di lavoro è uno degli aspetti più importanti da curare. Quando, ad esempio, si entra in una nuova azienda o in un nuovo team e i commenti che si ricevono dai colleghi non sono molto positivi, questo la dice lunga su quello che si sta per fare. Non ha senso comunicare l’uguaglianza come valore, per fare un esempio, se poi non viene rispettata nel proprio team.

Come esempio di come “semplificare i messaggi”, possiamo usare il “Viaggio dell’eroe” di Joseph Campbell come strategia di marketing. Questa trama è stata utilizzata sia nei film che in molti libri ed è una formula narrativa ampiamente utilizzata nella narrazione.

Il “Viaggio dell’eroe” consiste in dodici (12) tappe, in cui l’eroe esce dal mondo ordinario per entrare in quello speciale e affrontare una sfida, per poi tornare come una nuova  persona.

1. Il mondo ordinario, quello in cui vive l’eroe.

2. Il richiamo all’avventura, la sfida che l’eroe deve affrontare.

3. Rifiuto della chiamata, paura di affrontare la sfida.

4. Incontro con il mentore, il personaggio che consiglia, guida e fornisce risorse.

5. Varcando la soglia, l’eroe lascia il mondo ordinario per affrontare la sfida. Entra nel mondo speciale.

6. Alleati e nemici, ciò che trova come sostegno e ciò che trova come ostacolo.

7. Si avvicina, si prepara al grande momento.

8. La grande prova, l’eroe affronta tutte le paure per superare la grande sfida.

9. Ricompensa, l’eroe riceve il premio.

10. La strada del ritorno, dopo tutte le sfide, torna a casa nel mondo ordinario.

11. La resurrezione dell’eroe, che al ritorno a casa affronta un’altra prova finale, la rinascita interiore.

12. Tornare con l’elisir, tornare con il tesoro dell’esperienza vissuta.

Esempi nel cinema sono la saga di Indiana Jones, Matrix, Harry Potter, Catwoman, The Hunger Games o Star Wars.

Freepik